Tag: Dacia Di Pino

“C’è come un dolore nella stanza” di Amelia Rosselli

C’è come un dolore nella stanza, edè superato in parte: ma vince il pesodegli oggetti, il loro significarepeso e perdita. C’è come un rosso nell’albero, ma èl’arancione della base della lampadacomprata in luoghi che non voglio ricordareperché anch’essi pesano. Come nulla posso sapere della tua fameprecise nel voleresono le stilizzate fontanepuò ben situarsi un rovescio […]

“Abbiamo perso ancora questo tramonto” di Pablo Neruda

Abbiamo perso ancora questo crepuscolo.Nessuno ci vide questa sera con le mani unitementre la notte azzurra cadeva sopra il mondo.Dalla mia finestra ho vistola festa del tramonto sopra i colli lontani.A volte come una monetas’accendeva un pezzo di sole tra le mie mani.Io ti ricordavo con l’anima strettada quella tristezza che tu miconosci.Allora dove eri?Tra […]

“Amo i gesti imprecisi” di Valerio Magrelli

Amo i gesti imprecisi,uno che inciampa, l’altroche fa urtare il bicchiere,quello che non ricorda,chi è distratto, la sentinellache non sa arrestare il battitobreve delle palpebre,mi stanno a cuoreperché vedo in loro il tremore,il tintinnio familiaredel meccanismo rotto.L’oggetto intatto tace, non ha vocema solo movimento. Qui inveceha ceduto il congegno,il gioco delle parti,un pezzo si separa,si […]

“Madame Bovary” di Gustave Flaubert

Un classico intramontabile e un romanzo senza tempo, Madame Bovary di Gustave Flaubert è considerato l’atto di nascita del Naturalismo francese, la corrente letteraria che, a partire dalla Francia, si diffuse presto in tutta l’Europa del XIX secolo. Ma a cosa questo romanzo deve la sua enorme fortuna? Flaubert stesso parlava della sua opera definendola […]